Presentata la 2^ edizione della Rassegna "Frammenti di Memoria" presso la Biblioteca Civica "P. Ceretti" di Verbania

5' di lettura 14/01/2023 - Si è svolta il 13 Gennaio alle ore 17.00 la presentazione della seconda edizione della Rassegna "Frammenti di Memoria" presso la Biblioteca Civica "P.Ceretti" di Verbania e l'inaugurazione della Mostra "L'Olocausto del Lago Maggiore".

La mostra sarà esposta fino al 5 Febbraio e ad inaugurarla la Dott.ssa Margherita Zucchi, Curatrice del Museo della Resistenza"Alfredo di Dio" di Ornavasso (Vb).
La presentazione della seconda edizione della rassegna è stata aperta dal Dott. Andrea Cassina, Referente della Biblioteca che ha portato i saluti dell'Assessore alla Cultura di Verbania, il dott. Riccardo Brezza.
Il Dott. Cassina dopo aver espresso soddisfazione per la riuscita di quest'importante manifestazione ha citato anche la presenza dell'Associazione Arcigay Nuovi Colori del territorio di Verbania e Novara rappresentati dal Presidente, Michele Moramarco.
Gli enti che hanno organizzato quest'edizione sono: l'Istituto Storico della Resistenza "Piero Fornara" di Novara e del Verbano Cusio Ossola, l'Istituto Nazionale "Ferruccio Parri", la Comunità Ebraica di Vercelli (Biella, Novara e Vco), la Città di Verbania, la Città di Domodossola, la Biblioteca Civica "P. Ceretti", la Società Filosofica Italiana sezione di Verbania, la Casa della Resistenza di Verbania, l'Ufficio Scolastico Territoriale di Verbania, l'Istituo d'Istruzione Superiore "L.Cobianchi" di Verbania, l'Associazione Progetto Memoria" di Roma del Museo della Resistenza "Alfredo di Dio" di Ornavasso (Vb), l'Anpi Comitato Provinciale di Verbania il Comitato Provinciale di Novara, la Federazione Italiana Volontari della Libertà con la collaborazione della Scuola Media Statale "G. Floreanini"di Domodossola e il Teatrino del Pane fondato da Giorgio Buridan.
Alle 20.45 è stata inaugurata la Mostra curata dall'Istituto Storico P. Fornara dal titolo "Olocausto del Lago Maggiore", questa edizione è particolarmente importante perché quest'anno ricorre l'80° anniversario di quel triste avvenimento che ha visto protagonista il nostro territorio.
In sala vi era anche il Presidente del Raggruppamento F.I.V.L, il Dott. Emanuele Rossi, il quale ha voluto ricordare: "questo ciclo di incontri tratta la discriminazione prima, la deportazione che c'è stata poi e lo sterminio dei cittadini italiani anzi disua maestà di religione ebraica, la deportazione in massa e l'uccisione sul posto dei civili.
La mostra consiste in una serie di pannelli che raccontano le tristi e inumane vicende che hanno colpito i cittadini di religione ebraica dell'epoca, sia giovani sia adulti vittime dell'antisemitismo.
"L'esclusione antiebraica e antifascista di stampo anche razzista era già in atto nell'Italia fascista che ha escluso le persone di religione ebraica dalla vita politica, professionale, scolastica e universitaria".
Il Dott. Gino Carissimi, Segretario e tesoriere della Sezione del Verbano Cusio Ossola della Società Filosofica Italiana, quale ha sottolineato: "Noi come filosofi e storici non possiamo che seguire la memoria e sappiamo tutti che la filosofia soffre quando manca la democrazia".
La Dott.ssa Federica Caniglia, Collaboratrice dell'Istituto Storico Resistenza Novara e Vco, ha ricordato che "è necessario fare memoria in maniera quotidiana e non strettamente nella giornata del 27 Gennaio", Giornata della Memoria.
La Dott.ssa Caniglia ha riportato i saluti e un messaggio incentrato sull'importanza di sensibilizzare le nuove generazioni sulle tematiche storiche, alla pace, all'uguaglianza, al rispetto di tutti gli esseri umani, il rispetto della dignità delle persone e la convivenza civile alfine di guidare i giovani alla costruzione di una società democratica e libera da ogni discriminazione, scritto dalla Dirigente dell'Ufficio Scolastico di Verbania, la dott.ssa Guseppina Motisi.
La Dott.ssa Caniglia ha ricordato la filosofa tedesca, Hannah Arendt che definiva la Shoa come un crimine senza precedenti.

Inoltre, all'incontro erano presenti anche, Stefano Montani, appartenente al Consiglio Amministrativo della Casa della Resistenza di Verbania Emanuele Rossi, Presidente del Museo della Resistenza “Alfredo Di Dio”
Gli eventi più impirtanti legati a quest'iniziativa sono:
il 20 Gennaio l'Atelier di lettura e un percorso cinematografico che si terrà presso il Museo della Resistenza Alfedo Di Dio di Ornavasso (Vb).
Il 27 Gennaio verrà aperta la sezione intitolata "Cinememoria" dedicata al cinema concentrazionato grazie al Documentario delle registe Sabina Fedeli e Anna Migliotto, "Vite Parallele".
La rassegna sarà itinerante e proguirà il 3 Febbraio presso il Museo della Resistenza con la pellicola "Un cielo stellato sopra il ghetto di Roma".
Il 17 Febbraio sarà la volta del Regista Ettore Scola, "Concorrenza sleale" presso la Biblioteca Comunale di Domodossola.
Il 3 Marzo verrà propiettato "Andremo in città" con la regia di Nelo Risi ed Edith Bruck.
Le classi quinte dell'Istituto Cobianchi potranno incontrare online la scrittrice ungherese, Edith Bruck.
La rassegna si chiuderà con il film "Rosenstrasse" di Margarethe von Trotta.
Un altro importante incontro sarà il seminario che si svolgerà presso l'Auditorium dell'Istituto "L. Cobianchi" tenuto dalla Dott.ssa Laura Fontana, Responsabile del Memoriale del Museo di Parigi.
Infine l'11 Marzo andrà in atto lo spettacolo teatrale presentato dalla compagnia teatrale "Teatrino del pane", dedicato alla memoria dei ragazzi dei bambini vittime di quel periodo storico e in particolare di Becky Behar, saggista di orgine belga sopravvisuta alla strage nazista di Meina.
La dott.ssa Elena Mastretta, Direttice Scientifica ISRN "P. Fornara" ha spiegato che "il tema della pace si sposa bene in un percorso di approfondimentotra i diversi media come cinema, leteratura, la formazione dei docenti, il teatro e le riflessioni filosofiche".
A chiudere la rassegna sarà l'incontro con Don Renato Sacco che si svolgerà il 14 Aprile prossimo e sarà incentrato su una riflessione valoriale sui temi della Pace.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Città di Castello .
Per Whatsapp aggiungere il numero 376 0319483 alla propria rubrica e inviare un messaggio con scritto "Notizie ON".
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @viverecittadicastello o Clicca QUI.







Questo è un articolo pubblicato il 14-01-2023 alle 12:05 sul giornale del 15 gennaio 2023 - 26 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo, Mariella Roberto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dM6G





logoEV
qrcode